LA GATTA CENERENTOLA
       (EMI
3C154-18215/6, 1976)

Jesce sole

(Antonella D'agostino)
E' nata
( Virgilio Villani e voci femminili)
Villanella di Cenerentola
(Fausta Vetere)
Canzone dei sette mariti
(Giuseppe Barra)
Canzone delle sei sorelle
(Patrizio Trampetti, Giuseppe Barra, Virgilio Villani, Francesco Tiano,
Mauro Carosi, Josè Cacace, Giovanni Mauriello)
Duetto (mamma mamma che bella cosa)
( Patrizio Trampetti, Giuseppe Barra)
Rosario
(Virgilo Villani, Franco iavarone, Francesco Tiano, Mauro Carosi)
Canzone del monacello
(Giovanni Mauriello e Fausta Vetere e voci maschili)
Villanella a ballo (Vurria addeventare)
(chitarra solista: Umberto Leonardo)
Moresca
(Giovanni Mauriello, Mauro Carosi, Virgilio Villani)
Madrigali
(Giovanni Mauriello, Mauro Carosi, Patrizio Trampetti, Antonella d'agostino, Giuseppe Barra. )
Tarantella (oi mamma ca mò vene)
(Fausta Vetere, Giuseppe Barra, Giovanni Mauriello, Virgilio Villani, Francesco Tiano)
Coro dei soldati
( Mauro Carosi, Francesco Tiano, Virgilio Villani, Asso di bastoni, Franco iavarone)
Primo coro delle lavandaie
(Isa Danieli, Antonella D'agostino, Antonella Morea, Biancamaria Vaglio)
Secondo coro delle lavandaie
(Isa Danieli e voci femminili)
Canzone della zingara
(Concetta Barra e voci femminili)
Il suicidio del femminella
(Giovanni Mauriello e donne)
Jesce sole
(Fausta Vetere, Antonella D'agostino)
Scena delle ingiurie
(Giuseppe Barra, Patrizio Trampetti, Isa Danieli, Franco iavarone, Virgilio Villani e donne)
Finale
(Concetta Barra)

 I  brani cantati da Peppe Barra sono quelli scritti in rosso. 
- - - - - - - - - - - - - - - - -

LA GATTA CENERENTOLA
Favola in musica in tre atti di Roberto De Simone

Sentimenti ed interpreti:

Jesce Sole: Antonella D'Agostino

La mano della cabala:    Concetta Barra
L'ironia della pettinatrice
La verità della zingara

il canto dei turchi: Virgilio Villani
La voce del rosario
la canzone militare

Il ballo di san Giovanni: Josè Cacace e Francesco Tiano

Bene Mio: Franco Iavarone
Asso di Bastoni 

La gatta cenerentola: Fausta Vetere

La "cattiveria" della matrigna: Giuseppe Barra

Le "bellezze" della sorella Patrizia: Patrizio Trampetti

la sarta orfana di madre: Biancamaria Vaglio 

Il gioco del "monacello" :  Giovanni Mauriello
Cuccurucù
il suicidio del "femminella"

Vurria addeventare: Francesco Tiano

il banchetto delle cameriere: Isa Danieli, Antonella D'Agostino, Antonella Morea, Biancamaria Vaglio.

La voce castrata:   Mario Carosi
La lingua straniera del militare

L'angoscia: Isa Danieli
La crisi e la violenza delle lavandaie 

L'invidia della lavandaia grassa: Antonella Morea

Orchestra: Nunzio Areni - Nando Caccaviello - Roberto Civitella - Giuseppe Finizio - Beniamino Forestiere - Alfredo Golino - Franco Manfrin - Vito Mercurio - Andrea Santaniello - Corrado Sfogli - Domenico Schiattarella - Antonio Schiappa
Regia: Roberto De Simone
Scena di Mauro Carosi
Maestro concertatore e direttore d'orchestra: Antonio Sinagra 
Costumi di Odette Nicoletti
Organizzazione: Bruno Fantuzzi

Testi e Musiche originali di Roberto De Simone
Orchestra della Compagnia il Cerchio
Diretta da  Antonio Sinagra
Registrata negli studi Zeus di Napoli
Tecnico audio e missaggio: Maurizio Roselli
Produzione: Bruno Fantuzzi
Copertina di Lamberto Lambertini
Garfica di Bruno Fedetto
Adattamento grafico di Giuseppe Spada 
- - - - - - - - - - - - - - - - -
Disco 1: 
 

Canzone dei sette mariti

'A primma vota ca me spusaie
nu navigante io me pigliaie
p''o primmo viaggio io me 'mbarcaie
e nfri nfro nfra
E quanno 'a nave trasette 'mpuorto
Maritu mio mò stance accuorto
ma 'a sera stessa
'e vvele acalaie
a poppa tuzzaie
po' s'affunnaie c''o nfri nfro nfra...

'A siconda vota ca me spusaie
cu nu surdato io m'attaccaie
e a ffa' la guerra po' me 'mparaie
e nfri nfro nfra
Ma 'a primma notte d''o serra serra
Maritu mio che ffaie 'nguerra
Apprimma avanzaie
po' se ritiraie
'a bannera acalaie
perdette 'a guerra e cchiù nun turnaie
e nfri nfro nfra...

E 'a quinta vota ca me spusaie
de nu mariuolo me 'nnammuraie
ca 'a chiava faveza me rialaie
e nfri nfro nfra
Ma tutt''e notte pe' dint''o scuro
vuleva rompere 'a mascatura
Io l'avvisaie
ma isso furzaie
po' jastemmaie
e 'a chiava faveza se spezzaie
e nfri nfro nfra...

E 'a sesta vota fuie 'o destino
nu sunatore c''o viulino
ca m''o faceva nu cuncertino
e nfri nfro nfra
Ma po' facennome 'a serenata
tutt''o strumento s'eva scurdato
e 'o "mi" pruvaie
a "re" tuccaie
ma nun fuie capace
e i' ce 'o cantaie st'atu requie e pace
e nfri nfro nfra...

'E chistu passo l'aggiu pruvato
aroppo 'e chisto ancora n'ato
ma a tuttuquante l'aggio atterrate
e nfri nfro nfra

E mò arapimmo stu testamiento
ma senza spennerce nu lamiento
Nisciuno 'e lloro me lassaie niente
e nfri nfro nfra...

- - - - - - - - - - - - - - - - -

Canzone delle sei sorelle

Patrizio Trampetti:
Che bella vocca ca tene 'a primma sora
Patrizio Trampetti, Giuseppe Barra:

Che bella vocca ca tene 'a primma sora

Patrizio Trampetti:
L'ha fatto apposta
Giuseppe Barra:

L'ha fatto apposta

Patrizio Trampetti:
cu chella vocc''a fora
Giuseppe Barra:

cu chella vocc''a fora

Patrizio Trampetti:

Quant'è bell''a primma sora
Giuseppe Barra:

Quant'è bell''a primma sora

Patrizio Trampetti:

me n'ha fatto 'nnammura'
Giuseppe Barra:

me n'ha fatto 'nnammura'
Patrizio Trampetti:

Vucchea 'a ccà vucchea 'a llà
Patrizio Trampetti, Giuseppe Barra:

cu chella vocca te vo' vucchia'

Che belli mmane ca tene 'a siconda sora
L'ha fatto apposta cu chelli mmane 'a fora
Quant'è bell''a siconda sora me n'ha fatto 'nnammura'
Manea 'a ccà manea 'a llà, cu chelli mmane te vo' mania'

Che bella zizza ca tene 'a terza sora
L'ha fatto apposta cu chelli zizze 'a fora
Quant'è bell''a terza sora me n'ha fatto 'nnammura'
Zezzea 'a ccà zezzea 'a llà cu chelli zizze te vo' zzezia'

Che bellu culo ca tene 'a quarta sora
L'ha fatto apposta cu chillu culo 'a fora
Quant'è bell''a quarta sora me n'ha fatto 'nnammura'
Culea 'a ccà culea 'a llà cu chillu culo te fa scula'

Che bella panza ca tene 'a quinta sora
L'ha fatto apposta cu chella panza 'a fora
Quant'è bell''a quinta sora me n'ha fatto 'nnammura'
Panzea 'a ccà panzea 'a llà cu chella panza te vo' spanza'

Che bella cosa ca tene 'a sesta sora
L'ha fatto apposta cu chella cosa 'a fora
Quant'è bell''a sesta sora me n'ha fatto 'nnammura'
Te cos''a ccà te cos''a llà cu chella cosa te cusarra'

 Barra canta come seconda voce nel coro di questa canzone 

- - - - - - - - - - - - - - - - -


Duetto 
(mamma mamma che bella cosa)

Patrizio Trampetti:
- Mamma mamma che bella cosa
si me lu faccio chistu vel''e sposa
e si riggina io pure ce addivento
a Cennerentola faccio schiatta' -

Giuseppe Barra:
- Zitta mia figlia ca bene ti voglio
primma 'e stasera te faccio spusa' -

Patrizio Trampetti:
- Sine mamma già me veco
cu nu manto e la curona 'ncapo
ce ll'aggio fatto bbuono stu penziero
e tu nn'haie da dubita' -

Giuseppe Barra:
- Si sta furtuna avota pe' essa
com'a riggina io pure starò

E te li faccio li cumplimenti
pe' sti bellizze ca aute nun ce ponno -

Patrizio Trampetti:
- Io saccio bbuono ca nun dice buscia
e ca me dice la verità -

Giuseppe Barra e Patrizio Trampetti:
- E mò ca la sciorta ce stenne la mano
'nzieme a Palazzo nuie jammo a balla'
E cu violin'e violoncelle
cu violoncell'e triccabballacche
tengo na figlia cu mmeza pacca
ca cchiù zetella nun vole resta' -

Patrizio Trampetti e Giuseppe Barra :
- E quanno saranno feste e festine
'mmiez'a la tavula miette lu vino
sa quanta brindese vulimmo fa'
ih quanta brindese vulimmo fa' -

Giuseppe Barra e Patrizio Trampetti:
 E statte sicura ca tutto va bbene
si spuse lu re a mme me conviene
vire che ddote ca te faciarrà
vire che ddote ca te faciarrà -

Patrizio Trampetti:
- E non tengo dote e non tengo niente -

Giuseppe Barra:
- Ma tiene na cosa ca vale pe' ciento -

Patrizio Trampetti:
- Nun saccio si abbasta pe' m'addota'
Patrizio Trampetti e Giuseppe Barra:

nun saccio si abbasta pe' m'addota' -

Giuseppe Barra:
- E si è pe' la dote ca tu te lamiente
tengo 'e cuntante ca so' quattuciento
'a fora sta dote stu dunamiento
stu curniciello t''o dace mammà -

Patrizio Trampetti e Giuseppe Barra:
-
E chi porta mmiria pozza crepare
e pozza crepare e pozza schiattare
mò ca è lu tiempo 'e ce spusa'
perle e lazziette lu rre me farrà -

Patrizio Trampetti:
- E tutta la pupulazione
me purtarrà rispetto e devuzione
e quanno passo comm'a na prucessiona
addenucchiato ognuno sta -

Patrizio Trampetti e Giuseppe Barra:
- E addenucchiateve quanno io passo
pass''a riggina 'e chesta città
e addenucchiateve quanno io passo
pass''a riggina 'e chesta città -


Vai alla pagina  successiva  di  Gatta Cenerentola